Il libro dei libri

Dopo la fatica del lungo The Fatal Shore (fatica ricca di soddisfazioni, perché il libro era molto bello, ma pur sempre una fatica), ho optato per un libro che si potesse iniziare e finire in un’ora.

Questo di Luca Giorgi (l’ho scoperto grazie a un post del blog “giramenti”) è un immaginario catalogo di titoli improbabili (o fin troppo plausibili? Questo è il problema) “da non perdere”, corredati di autore con foto e mini-biografia, casa editrice, copertina, risvolto e recensioni e “fascette” entusiaste. Tutto finto, naturalmente, ma ci si diverte a prendere in giro abusate e ripetitive mode editoriali, le frasi fatte di alcuni critici, tecniche di vendita furbesche.
Non mi aspettavo che la maggior parte dei finti titoli rientrasse nel genere della “manualistica”, avrei sperato in una maggiore presenza della narrativa e, se proprio devo essere ipercritica (ma un libro come questo invita a una lettura molto “leggera”), da un grafico pubblicitario mi aspettavo maggiore originalità nelle finte copertine. Ma, per il resto, si incontrano le parodie degli innumerevoli manuali di cucina (come quello del famoso chef Pedro Ibharria, intitolato Los avancios), l’Oroscopo di precisione 2012, con previsioni tipo “Capricorno ascendente Vergine, Giovedì 15 Giugno. Ore 9,34: Incontrerete un vecchio compagno di Liceo, Goffredo Refoli, che vi restituirà un vecchio numero di Tex avuto in prestito 42 anni prima”, i romanzi del nuovo campione dell’insopportabile “giallo scandinavo”, o quelli “alla Moccia” (con titoli tipo Mi fai strippare o Ke kasino!) che invece di adolescenti hanno per protagonisti dei vecchietti, e soprattutto i saggi con l’ossessione per i templari, come ad esempio I Templari e il 2012, nella cui introduzione leggiamo “Ormai i fatti parlano da soli: come spiegarsi che, se sommiamo la data di fondazione dell’ordine cavalleresco (1139) con 873, otteniamo esattamente la cifra [sic] 2012?”, o I Templari e la crisi dell’Atalanta.

Un libro memorabile? No. Una lettura veloce e discretamente divertente e con alcune idee geniali.

Luca Giorgi, Il libro dei libri, voto = 3/5

Advertisements

1 Commento

Archiviato in Libri, Varia

Una risposta a “Il libro dei libri

  1. Pingback: Statistiche del 2014 | libri ... e basta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...