New York

Dopo l’abbuffata di quel capolavoro de I Viceré, avevo bisogno di qualcosa di meno “impegnativo”, e quindi mi sono buttata sulle graphic novels (o più autarchicamente “fumetti”): prima Persepolis, ora New York, di Will Eisner. Non è per sminuire il valore di queste ultime, ma per me sono meno “faticose” da leggere di un libro (e si finiscono in meno tempo).

Di Will Eisner (1917-2005), considerato quasi un “padre nobile” e un maestro del genere, avevo già letto Il complotto. New York raccoglie una serie di storie, generalmente molto brevi, ambientate nella Grande Mela, la città in cui visse l’artista. A volte non si può neppure in realtà parlare di storie, ma piuttosto di frammenti di vita della metropoli, di fugaci episodi che si concludono nello spazio di 1-2 vignette o che all’inverso si ripetono magari sempre uguali giorno dopo giorno e non hanno una vera e propria “conclusione”. Il tono è generalmente triste, spesso i personaggi avrebbero tanto da dirsi ma sono condannati a non riuscire a comunicare, oppure annegano nell’anonimato e nell’indifferenza della metropoli fino a divenire “invisibili”, o vedono naufragare le loro speranze e i loro progetti, o si ritrovano con le esistenze sconvolte da imprevedibili coincidenze o equivoci apparentemente insignificanti, nell’intreccio inestricabile di destini che si trovano più o meno casualmente a passare nello stesso momento sul medesimo marciapiede, a vivere nello stesso condominio, a condividere per qualche minuto lo stesso vagone della metropolitana. La città è di volta in volta vista come luogo di incontri o di isolamento, colpisce che spesso al caos popolato di centinaia di persone sempre di corsa sui marciapiedi e sulle larghissime strade facciano da contraltare appartamenti piccoli, solitari e silenziosi.

A volte, non troppe per la verità, il tono è più leggero ed Eisner riflette con ironia sui mille piccoli episodi curiosi che si presentano alla sua vista di acuto osservatore dell’umanità.

Sicuramente, a chi ama New York, a chi magari ci ha vissuto, questo libro piacerà molto, vi ritroverà i paesaggi, i ritmi, la “fauna umana”, le nevrosi, i riti e il fascino inconfondibile della Grande Mela.

Will Eisner, New York (trad. Costanza Prinetti), voto = 3/5
Per acquistarlo su ibs.it o libreriauniversitaria.it

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Narrativa, Narrativa nordamericana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...