Dettagli di stile

Un libro di formato GIGANTESCO che costa anche un occhio della testa e che probabilmente non mi sarebbe mai venuto in mente di acquistare se non fosse stato in offerta con un ottimo 65% di sconto.

Con piglio da buon divulgatore, Stefano Zuffi illustra qui una sua personale selezione di capolavori più o meno noti dei secoli XIV-XVIII alla ricerca di quello che lui chiama lo “stile italiano”, forse a intendere quel certo “non so che” che, specialmente nei secoli del Rinascimento (cui inevitabilmente spesso finisce per limitarsi la scelta delle opere) ha posto l’Italia ai vertici in fatto di arte, cultura, gusto.

A dire la verità, al momento dell’acquisto immaginavo che il libro avrebbe tentato di tracciare l’evoluzione diacronica della moda e del costume attraverso le fonti iconografiche, invece non si limita a ciò, ma indaga anche le rappresentazioni della vita di corte, degli spazi urbani e rurali (e a volte il collegamento con il tema di fondo dell’opera non è sempre immediato), o si sofferma anche sull’oggettistica, sulle pettinature, ecc.

I capitoli introduttivi veri e propri sono molto brevi, poi la parte del leone la fanno, ovviamente, le immagini: apprezzabile e indovinato l’accorgimento della pagina piegata in due che si apre verso l’esterno, così da avere sempre sotto gli occhi contemporaneamente la didascalia esplicativa dell’immagine e l’ingrandimento del particolare relativo (una pena in questi libri d’arte è sempre andare a ricercare la didascalia della fig. X che sta magari 3 pagine prima). Riguardo alle immagini, c’è da dire che, forse, accanto agli ingrandimenti di taluni dettagli, bellissimi, sarebbero state utili anche riproduzioni un po’ più grandi dell’opera intera, che invece erano poco più che miniature: se nella didascalia si faceva cenno a parti non comprese nell’ingrandimento, era totalmente impossibile analizzarle a occhio nudo. Certo, d’altra parte, è anche vero che aggiungere ancora altre figure a colori di grandi dimensioni avrebbe fatto lievitare il prezzo a cifre vertiginose.

Come ho già detto, si avverte la preponderanza un po’ schiacciante (e forse inevitabile) di opere, bellissime, per carità, dei secoli d’oro della pittura italiana, XV e XVI, a scapito di quelle di altri periodi. Stupisce un po’ la totale mancanza di bibliografia, pur considerando che il testo si presenta come opera di divulgazione.

Tra tanti capolavori, alcuni celeberrimi, altri più per intenditori, ecco la mia personale selezione (cliccate per ingrandire; noterete che, come dicevo, non in tutti al centro della scena vi sono gli abiti):

Carlo Crivelli, Annunciazione, 1486, Londra, National Gallery

Piero di Cosimo, Ritratto di donna in veste di Maddalena, 1501 ca., Roma, Galleria d’arte antica, Palazzo Barberini

Lorenzo Lotto, Giovane con i guanti, 1526 ca., Milano, Pinacoteca Civica del Castello Sforzesco

Moretto, Fortunato Martinengo Cesaresco, 1540 ca., Londra, National Gallery

Tiziano, Ritratto votivo della famiglia Vendramin, 1543-47, Londra, National Gallery

Giovan Battista Moroni, Il sarto, 1560 ca., Londra, National Gallery

Fra Galgario, Ritratto di cavaliere dell’ordine costantiniano, 1745 ca., Milano, Museo Poldi Pezzoli

Bernardo Bellotto, Veduta della Gazzada, 1744, Milano, Pinacoteca di Brera

Gaspare Traversi, La lezione di musica, 1751, Kansas City, Nelson Atkins Museum

Giuseppe Baldrighi, La famiglia di don Filippo di Borbone, 1757, Parma, Pinacoteca Nazionale

Giuseppe Baldrighi, Autoritratto con la moglie, 1759, Parma, Galleria Nazionale

Stefano Zuffi, Dettagli di stile. Moda, costume società nella pittura italiana, voto = 4/5
Per acquistarlo su ibs.it o libreriauniversitaria.it

Lascia un commento

Archiviato in Arte, Libri

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...