Habemus papam

Ecco una mostra (Città del Vaticano, 7 dicembre 2006-9 aprile 2007) che davvero avrei voluto visitare, perché, a giudicare da questo catalogo, doveva essere meritevole.

Seguendo tutte le fasi che segnano la cosiddetta “sede vacante” della Chiesa, dall’agonia e morte del vecchio pontefice, alle esequie, dalle Congregazioni cardinalizie all’ingresso solenne dei cardinali in conclave, dalle votazioni alla proclamazione fino alla presa di “possesso” di S. Giovanni in Laterano del nuovo papa a cavallo attraverso Roma, gli oggetti e le opere d’arte esposti e i saggi del catalogo permettono di entrare in questo mondo di procedure e riti codificati e densi di significato, in questi momenti delicatissimi e pieni di fascino. Affascinante è vedere come, all’interno di una struttura che mano a mano si consolida e prende forma soprattutto con Gregorio X e la sua costituzione Ubi periculum (che cercava di evitare per il futuro il ripetersi di uno scandalo come il conclave di Viterbo durato ben 3 anni), la tradizione sia stata, nel corso dei secoli, senza mai perdere la propria identità, modificata, innovata, perfezionata, fino a divenire il meccanismo oliatissimo di oggi. Ho apprezzato moltissimo la varietà della mostra: non solo quadri e stampe (bellissime), ma anche abiti, fotografie, codici, oggetti di uso comune o molto particolari (come il martelletto che il Cardinale Camerlengo usava per accertarsi della morte del papa), che davvero coprono ogni aspetto dell’evento.

Interessanti quasi tutti i saggi, soprattutto nella prima parte, sui primi tempi ancora un po’ incerti quando l’elezione del nuovo papa non era ancora stata ben codificata, e, all’opposto, quello finale, sui conclavi del XX secolo. Un difetto è che, poiché le schede della mostra sono state compilate da vari studiosi diversi, si tende spesso a ripetere più volte le stesse cose.

Libro poi molto bello da leggere per me che, seppure per pochissimo, posso dire di essere quasi “entrata” in quel mondo (certo non in conclave!!). L’ultimo del 2005, il primo per me, fu davvero emozionante perché avevo la sensazione di assistere a un rito che aveva resistito fieramente e con coerenza per secoli, e che quindi davvero mostrava al mondo la forza di una tradizione millenaria. Se siete interessati al tema consiglio anche il bello (e bizzarro) romanzo di Roberto Pazzi, Conclave.

L’unica pecca è sempre la stessa, gli errori di stampa, e gli errori di punteggiatura, anche se qui meno che in altri clamorosi casi: evidentemente questi cataloghi di mostre (vedi Papi in posa, vedi La porpora romana) non ne possono essere immuni. Mah!

Habemus papam. Le elezioni pontificie da s. Pietro a Benedetto XVI, a cura di Francesco Buranelli, voto = 4/5
Per acquistarlo su ibs.it o libreriauniversitaria.it

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Storia, Storia contemporanea, Storia medievale, Storia moderna

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...