Conformisti

Va beh, meglio che lasci perdere con questo genere di libri. Sempre sulla scia della critica al presente e ad alcune abitudini della società odierna, questo libretto (poco più di 100 pagine) di Gillo Dorfles, letto in treno sulla via del ritorno da Roma, mi aveva fatto ben sperare perché il risvolto di copertina dichiarava che l’intento non era fare lezioni col ditino alzato, visto che l’autore non era, inevitabilmente, immune dai suoi personali conformismi, come del resto nessuno di noi.
Alla fin fine comunque si risolve tutto in un catalogo di comportamenti, alcuni effettivamente cafoni, altri semplicemente non graditi al sig. Dorfles, e osservazioni che si possono riassumere in un’unica frase: “sbagliato conformarsi alla massa, ma sbagliato anche l’atteggiamento di chi è anticonformista sempre per partito preso, perché alla fine la sua è solo un’altra forma di conformismo”. Ma dai, davvero? Yawn. Senza contare che il tono è un po’ da suocera, e alcune osservazioni di costume, essendo il libro del 1997, suonano già datate. Rispetto al precedente Irrazionalpopolare, almeno, ha il pregio di essere comprensibile e meno supponente e di essere scritto in uno stile meno irritante e insopportabile.

Gillo Dorfles, Conformisti. La morte dell’autenticità, voto = 2/5
Per acquistarlo su ibs.it o libreriauniversitaria.it

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Saggistica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...