Lis(z)tomania (III)

Dall’ottobre 1999 tengo un quadernetto su cui annoto i titoli di tutti i libri che leggo, con i relativi giudizi. Da questo traggo le seguenti liste:

Lista dei libri più belli in assoluto (in ordine cronologico):

Storia della colonna infame
, Alessandro Manzoni (aprile 2001) — uno dei libri più belli della letteratura italiana
Mastro-don Gesualdo, Giovanni Verga (agosto 2001) — idem
I promessi sposi, Alessandro Manzoni (dicembre 2001) — ma lo rileggo ogni tanto
Niente di nuovo sul fronte occidentale, Erich Maria Remarque (gennaio 2002)
Storia di un paese: Montaillou, Emmanuel Le Roy Ladurie (aprile 2002) — non un romanzo ma un saggio storico
La mia vita, Richard Wagner (aprile 2002) — Wagner era un matto
Il desiderio delle Indie. Storie, sogni e fughe di giovani gesuiti italiani, Gian Carlo Roscioni (aprile 2003) — saggio storico, in assoluto uno dei libri più belli che abbia mai letto
Posizione di tiro, Jean-Patrick Manchette (luglio 2004) — il libro con cui ho scoperto Manchette, e non poteva esserci avvio migliore
L’archeologo, Arthur Phillips (novembre 2005) — uno dei pochi romanzi con un finale che non delude
In nome del cielo. Una storia di fede violenta, Jon Krakauer (novembre 2007) — non un romanzo ma un saggio sulle sette fondamentaliste mormoni in USA
Giobbe, Joseph Roth (dicembre 2007) — quando F è utile a qualcosa
Nordest, Massimo Carlotto (febbraio 2008) — un romanzo italiano bello??
La leggenda del santo bevitore, Joseph Roth (aprile 2008) — più altri due racconti
La città perfetta, Angelo Petrella (ottobre 2008) — non riuscivo a staccarmi

Lista dei libri più brutti in assoluto, da evitare con cura (in ordine cronologico):

Live girls, Ray Garton (novembre 1999) — ed è stato pure difficile da reperire, a saperlo prima
Il ritorno della papessa, Bruna Magi (dicembre 2001) — imbarazzante per quanto è brutto, e a questa le pubblicano una roba così?
Narciso e Boccadoro, Hermann Hesse (agosto 2002) — irritante e schematico
Il patto dei lupi, Pierre Pelot (febbraio 2003) — per carità, un thriller storico che è la sagra dello stereotipo
Pipistrelli, Marcel Beyer (dicembre 2005) — pretenzioso e incomprensibile (qual è il senso?)
Il profumo, Patrick Süskind (gennaio 2006) — bah, non capisco come mai il grande successo
Q, Luther Blissett (gennaio 2006) — e con questo con me Wu-Ming ha chiuso per sempre. Protagonista da sopprimere
Critica della ragion criminale, Michael Gregorio (novembre 2006) — thriller scialbo, scioglimento degli eventi stupidissimo
Heil Hitler, il maiale è morto!, Rudolph Herzog (gennaio 2008) — saggio sulla comicità durante il Terzo Reich. In sé mediocre, a far crollare il voto è la PESSIMA traduzione italiana, fatta coi piedi e da una vera cretina
Il sipario di giada, Isaia Iannaccone (marzo 2008) — complimenti all’autore, è riuscito a farsi pubblicare un libro senza trama e scritto malissimo

E ora per i premi della giuria (sono tutti libri che mi sono piaciuti):

Lista dei libri più spaventosi
(sempre in ordine cronologico, non lo ripeto più):

Medusa, L’orrore di Dunwich, Il caso di Charles Dexter Ward, sono racconti di H.P. Lovecraft … ma anche un po’ tutto quello che ha scritto quest’uomo (senza data, prima dell’ottobre 1999)
Nella carne, racconto di Clive Barker (idem)
L’avversario, Emmanuel Carrère (marzo 2001) — non un romanzo ma un’agghiacciante storia vera, libro che poteva benissimo entrare anche fra i migliori
Storia della colonna infame — vedi sopra
Un borghese piccolo piccolo, Vincenzo Cerami (agosto 2003)
Lasciami andare, madre, Helga Schneider (gennaio 2004) — non un romanzo, la storia vera del rapporto con la madre aguzzina in un lager. Poi mi sa che l’autrice non ha più scritto così bene
La tomba del diavolo, Geron Brandanus (aprile 2004) — se non altro per la figura dell’autore
Ring, Koji Suzuki (giugno 2004) — diversissimo dal film
In nome del cielo — vedi sopra
La persecuzione del rigorista, Luca Ricci (maggio 2008) — ne ho parlato in questo blog

Lista dei libri più divertenti:

La mia vita — vedi sopra
Militärmusik, Wladimir Kaminer (luglio 2004) — le avventure di Kaminer sullo sfondo dell’URSS in via di disfacimento, fa morire: gli altri libri dell’autore non sono così divertenti
Italiani all’opera, Pierluigi Pansa (dicembre 2005) — romanzo storico molto carino su Da Ponte e Casti
Bella vita e guerre altrui di Mr Pyle, gentiluomo, Alessandro Barbero (gennaio 2006) — ma perché il protagonista è meravigliosamente cinico
Il serraglio di Versailles, Frédéric Richaud (maggio 2007) — piacevole sorpresa
Guida galattica per autostoppisti, Ristorante al termine dell’universo, Douglas Adams (novembre 2007) — semplicemente geniali, gli altri titoli della serie sì, carini, ma i primi due sono capolavori

Lista dei libri più interessanti:

Storia di un paese: Montaillou — vedi sopra
I benandanti. Stregoneria e culti agrari tra Cinquecento e Seicento, Carlo Ginzburg (luglio 2002)
Il formaggio e i vermi. Il cosmo di un mugnaio nel Cinquecento, Carlo Ginzburg (dicembre 2002)
Il desiderio delle Indie — vedi sopra
Storie di ogni giorno in una città del Seicento, Ottavia Niccoli (novembre 2003)
Adriano VII, Frederick Rolfe detto Baron Corvo (luglio 2004) — romanzo curiosissimo
Il ritorno di Martin Guerre, Natalie Zemon-Davis (dicembre 2005)
Apologia della storia o Mestiere di storico, Marc Bloch (aprile 2007)

Lista dei libri più emozionanti, avvincenti, commoventi, tristi, etc:

Auschwitz. Storia del lager 1940-1945, Otto Friedrich (dicembre 1999)
I sommersi e i salvati, Primo Levi (giugno 2000)
Mastro-don Gesualdo — vedi sopra
I promessi sposi — vedi sopra
Nente di nuovo sul fronte occidentale — vedi sopra
Il desiderio delle Indie — vedi sopra
Posizione di tiro — vedi sopra
Piccolo blues, Jean-Patrick Manchette (aprile 2005) — dopo Posizione di tiro, che è inarrivabile, c’è questo
L’archeologo — vedi sopra
Il piccolo libraio di Archangelsk, Georges Simenon (agosto 2007) — da non leggere se poco poco ti senti minimamente depresso
Giobbe — vedi sopra
Nordest — vedi sopra
La leggenda del santo bevitore — vedi sopra
Lettera dall’inferno a mia madre e ai miei figli, Ingrid Betancourt (aprile 2008)
La città perfetta — vedi sopra

Alcune mie recensioni, soprattutto le stroncature, le trovate su www.ibs.it

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Liste

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...